Vivo la mia consacrazione a Dio nel mondo attraverso le tante gioie e difficoltà di ogni giorno e cerco di essere attenta a coltivare il mio rapporto con Dio attraverso la preghiera e l’eucarestia. La consacrazione nel mondo mi permette di estendere la missione a tutto ciò che faccio con la consapevolezza che in ogni sofferenza posso portare la Speranza. Mi ricordo che Germana diceva: “…C’è qualcuno che soffre?…Bisogna solo stare attente e con le mani protese…”. Infatti, per questa ragione penso che la nostra missione non abbia limiti.

Elvira, MdI Argentina